il nostro progetto

Eccoci qua, come presentarci?

Siamo due mamme, cosi ci piace definirci, perché, almeno a titolo personale, essere mamma è quella cosa che mi ha fatto cambiare, da quando è nato il mio primo figlio posso pensare di aver fatto qualcosa di bello e di giusto nella vita!

Essere diventata mamma mi ha reso consapevole di ciò che ci circonda, dell’ambiente dove viviamo, di come ci alimentiamo, di cosa spalmiamo sulla pelle dei nostri figli, di che giocattoli gli mettiamo tra le mani.

Da queste premesse è nata l’esigenza di cercare, di scegliere, e di sostenere aziende artigiane locali.

La conoscenza con la mia socia è avvenuta in maniera naturale, parlando proprio di questa nostra passione comune, e da li ci siamo dette: perche’ non buttarci in questa avventura? Proviamo a cercare aziende agricole nel nostro territorio bergamasco e proviamo a raggrupparle in modo da diffondere questa cultura delle cose genuine.

Ci siamo ispirate in ciò ad un modello già esistente a livello nazionale: l’Alvearechedicesi, e da questa idea siamo partite.

A partire da queste premesse il nome “la bottega bergamasca” è venuto da sé.

La cosa che piu’ ci appassiona è la ricerca dei produttori: ascoltare la storia di queste persone, spesso giovani, che si sono reinventate, andando a scoprire nuove risorse in se stessi e un nuovo modo per vivere la propria vita in maniera etica, ci permette davvero di crescere ogni giorno.

Nel prossimo articolo ci piacerebbe parlarvi proprio un po’ di loro, delle caratteristiche che li hanno resi speciali ai nostri occhi.

 

S.

Scrivi commento

Commenti: 0